Claude Debussy (1862-1918)
Trois chansons de Charles d'Orléans III. Yver, vous n'estes qu'un villain


midi MIDI di insieme
link esterno Stockholm Chamber Choir
pdf Partitura

Esecuzioni recenti della Corale Roberto Goitre:

12/10/2013 Torino, Salone Luini - Concerto in favore della Missione Jangany - Canzoni e chansons: modi diversi di cantare il '900
07/07/2013 Avigliana, Chiesa di Santa Maria Maggiore - Concerto d'estate - Canzoni e chansons: modi diversi di cantare il '900
06/07/2013 Fenestrelle (TO), Chiesa Parrocchiale di San Luigi IX - Concerto d'estate - Canzoni e chansons: modi diversi di cantare il '900
04/05/2013 Torino, Chiesa di Santa Giulia - Concerto conclusivo del corso di direzione corale "Fosco Corti"
18/12/2012 Torino, Scuola Media Alberti - Concerto natalizio
07/12/2012 Torino, Chiesa di Santa Giulia - Corso di direzione corale di Dario Tabbia - Intervento come coro laboratorio
20/10/2012 Torino, Ospedale Molinette, Aula Magna Dogliotti - Concerto per la IV Giornata Nazionale AVO (Associazione Volontari Ospedalieri)
26/09/2010 Sant'Ambrogio di Torino, Cappella di San Rocco - Chansons francesi
14/05/2010 Torino, Chiesa del Santo Sudario - Chansons francesi - Per la rassegna Lunchtime Concerts

Testo

[Charles d'Orléans, 1394-1465]

Yver, vous n'estes qu'un villain;
Esté est plaisant et gentil
En témoing de may et d'avril
Qui l'accompaignent soir et main.

Esté revet champs, bois et fleurs
De sa livrée de verdure
Et de maintes autres couleurs
Par l'ordonnance de Nature.

Mais vous, Yver, trop estes plein
De nège, vent, pluye et grézil.
On vous deust banir en éxil.
Sans point flater je parle plein,
Yver, vous n'estes qu'un villain.

Traduzione

Inverno, voi siete un cattivo;
Estate è bella e gentile
A testimone di maggio e aprile
Che l'accompagnano mattina e sera.

Estate riveste i campi, boschi e fiori
con la sua livrea di verde
e di manti di altri colori
secondo l'ordine della Natura.

Ma voi, Inverno, siete troppo pieno
di neve, vento, pioggia e nevischio.
Bisognerebbe mandarvi in esilio.
Senza fiatare parlo chiaro,
Inverno, voi siete un cattivo.