Pietro Paolo Bencini (ca. 1675-1755)
Ave maris stella, dal Vespro per la Cappella Giulia


pdf Partitura
pdf Partitura

Esecuzioni recenti della Corale Roberto Goitre:

08/06/2007 Susa (TO), Chiesa di San Francesco
31/05/2007 Torino, Monte dei Cappuccini
01/04/2007 Rivalta (TO), Cappella del Monastero
22/09/2006 Torino, Chiesa di San Lorenzo

Testo

Ave, maris stella, Dei mater alma,
Atque semper virgo, felix coeli porta.
Sumens illud Ave Gabrielis ore,
Funda nos in pace, mutans Hevae nomen.
Solve vincla reis, profer lumen caecis,
Mala nostra pelle, bona cuncta posce.
Monstra te esse matrem, sumat per te preces,
Qui pro nobis natus, tulit esse tuus.
Virgo salutaris, inter omnes mitis,
Nos culpis solutos, mites fac et castos.
Vitam praesta puram, iter para tutum,
Ut, videntes Iesum, semper collaetemur.
Sit laus Deo Patri, summo Christo decus,
Spiritui sancto tribus honor unus.
Amen.

Traduzione

Ave, stella del mare, madre nutrice di Dio
e sempre Vergine, felice porta del cielo.
Accogliendo quell'Ave dalla bocca di Gabriele,
donaci la pace, mutando il nome di Eva.
Sciogli le catene dei rei, porta luce ai ciechi,
scaccia i nostri mali, dacci ogni bene.
Mostra di essere Madre, fai accettare le preghiere
a colui che è nato per noi e scelse di essere tuo Figlio.
Vergine di salvezza, dolce fra tutte,
rendici liberi dalle colpe, umili e puri di cuore.
Donaci una vita pura, veglia sul nostro cammino,
perché, vedendo Gesù, sempre ci possiamo allietare.
Sia lode a Dio Padre, gloria a Cristo Signore,
e allo Spirito Santo un solo onore per tre.
Amen.